d
FB TW IG

#thelma_winery

Image Alt

LA NOSTRA STORIA

La nostra storia

di padre in figlio,
una passione eterna

L’Enoteca Partenopea è stata inaugurata nel 1972, ma la nascita dell'attività risale al 1951. Inizialmente concepita come attività gastronomica da Raffaele Mangia, nonno di Rosario attuale proprietario, già agli inizi degli anni 50 l’attività vantava una vasta selezione di vini e liquori. Con la nascita della cosiddetta ``cultura dei vini``, quella che era nata come una gastronomia si trasformò pian piano in una vera e propria enoteca assumendo l'attuale ``mission`` nel 1972.

La storia in breve

1951
Raffaele Mangia fonda l’Enoteca Partenopea originariamente intesa come attività gastronomica
1972
Antonio Russo trasforma l’attività gastronomica in una vera e propria Enoteca battezzandola “Enoteca Partenopea”
2010
Rosario Russo e i figli Antonio e Paola lanciano il marchio “GuitarCuvèe” creando il binomio Vino-Musica
2014
Gabrielle N°124
Enoteca Partenopea cresce ed apre un nuovo punto vendita in Viale Augusto 124 specializzato in vendita di the, infusi, tisane ed oggettistica legati alla bevanda più amata dagli inglesi

Nel 2010 avviene un ulteriore trasformazione. Stimolato dal figlio Antonio, musicista di casa Russo, papà Rosario poco meno di 10 anni ha deciso di realizzare il connubio musica - vino creando il marchio “GuitarCuvèe”. Un’idea innovativa ed unica che ha prodotto il primo negozio di vino e chitarre del mondo dove sarà possibile trovare una bottiglia di Champagne esposta tra una Fender Stratocaster e una chitarra acustica Ibanez, o, se preferite, una bottiglia di Calvados adagiata su un amplificatore VOX o Marshall.
Nel febbraio 2014 l’Enoteca Partenopea 1951 si è ulteriormente espansa dedicando un altro spazio alle degustazioni dei grandi vini del mondo. Papà Rosario e Paola organizzano e curano degustazioni dei grandi Bourgogne, dei Bourdeaux, degli Champagne, dei grandi vini Toscani e di tanto altro promuovendo la cultura del vino a Napoli. Il tutto in un’ambiente sereno e familiare dove chitarre (elettriche, classiche e acustiche) fanno compagnia alle più importanti etichette di vini e liquori del mondo.